"Una piccola perla di natura incontaminata dove boschi e sentieri fanno da padroni"

 

TORRESINA OGGI


Torresina è un paese definito da guerre e saccheggi.

Non si direbbe vedendone l’aspetto tranquillo, ma il suo nome rivela la verità: esso deriva dall’antica torre sorta per proteggersi dagli attacchi saraceni. La torre scomparve, ma non gli invasori: il comune fu anche teatro della cruenta Battaglia della Pedaggera nel 1796 tra piemontesi e francesi, che costò quasi mille morti.

Potete vederne una testimonianza di quella battaglia nell’austera Croce Napolenonica innalzata in quel periodo.

Torresina però non terra solo di guerre, ma potete ammirare anche la formazione naturale Crotin Scaffe e i numerosi piloni votivi sparsi nei dintorni.

Se vi piacciono le escursioni qui c’è davvero qualcosa per tutti.


TORRESINA GALLERY



TORRESINA IERI


Il territorio del comune il 16 aprile del 1796 fu teatro della cruenta battaglia sostenuta dalle truppe piemontesi contro l'invasione dell'esercito francese guidato dal generale Napoleone che cercava di conquistare il colle della Pedaggera. L'assalto fu respinto dai soldati piemontesi e costò al nemico ben 600 uomini fra morti e feriti. I Piemontesi perdettero 270 uomini.

A testimonianza di questo tragico giorno fino a pochi anni fa su un'altura nei pressi di Torricella era visibile una croce di legno, messa da qualcuno in ricordo del marchese di Cavoretto e dei numerosi caduti.


 

VISIT TORRESINA