"Un castello maestoso e un panorama incantato... Non è l'inizio di una favola, ma la vita a Roddi"

 

RODDI OGGI


I campi di Roddi nascondono più di una ricchezza. Quella più nascosta è storica, il paese sovrasta il probabile luogo della Battaglia dei Campi Raudii in cui i Romani sotto la guida di Gaio Mario annientarono la tribù dei Cimbri. Quella più preziosa è gastronomica, infatti Roddi è la sede della cosiddetta Università dei Cani da Tartufo, fondata nel 1880 e con annesso un piccolo museo. Un'organizzazione grazie al quale potrete provare l'esperienza della cerca al prezioso tartufo. Come da tradizione potrete gustare questo e vari prodotti gastronomici nelle molte strutture turistiche della zona.

Roddi ospita anche la Chiesa di Maria Vergine Assunta in stile barocco e con un grazioso dipinto visibile sulla facciata.

Comunque l'attrazione principale è il Castello di Roddi, costruzione visitabile di proprietà comunale situato proprio accanto alla chiesetta. Il complesso mantiene la sua struttura generale di origine medievale, spartana e funzionale, pur presentando numerosi rimaneggiamenti e restauri successivi. Vi sono due torri: la più antica e grande risale al XI secolo, mentre quella nuova e piccola fu edificata nel XVI. L'imponente ed alto edificio rimase per poco tempo proprietà dei Savoia, ma non fu mai residenza reale in quanto vecchio e poco confortevole.


RODDI GALLERY



RODDI IERI


Il nome di origine celtica, raud o rod, significa fiume con evidente riferimento al Tanaro che scorre a valle del territorio.

In epoca Romana, divenne un centro di raccordo strategico tra Alba Pompeia e la grande Pollentia, il tutto dimostrato anche dal ritrovamento di edicole funerarie risalenti all'epoca. Tale zona, è nota agli storici per due grandi battaglie: quella dei Campi Raudii, del 101 a.C. in cui Mario sconfisse i Cimbri e quella di Pollenzo del 402 d.C., quando Stilicone sconfisse i Goti di Alarico.

Il Comune di Roddi comprende, oltre al concentrico, le località Elia, Ravinali, Toetto e Piana di Roddi.

Il luogo più suggestivo, è la piazzetta del Municipio (classificata dalla Regione tra le Piazze più belle del Piemonte) dove si trovano la Chiesa parrocchiale dell'Assunta, con facciata tardo barocca ed il castello medioevale costruito attorno all'anno Mille in posizione dominante sulla valle del Tanaro, sulla parte più alta del Borgo.

Il nucleo storico con le vie che disegnano cerchi concentrici, è arroccato attorno alla torre campanaria del XIII secolo ed al maniero.

Dalla Piazzetta Belvedere, al termine della Via Sineo, le giornate limpide, permettono di ammirare un vasto paesaggio di dolci colline e sullo sfondo, poco più in là, la catena delle Alpi Cozie e Graie, prepotentemente dominate dal "Re di Pietra", il Monviso.


 

VISIT RODDI