monesiglio langhe roero.jpg

"Nel Bormida si specchia e a lui si dona, quando l'onda gli parla in suon cortese; ma quando avventa furibonde offese, allora con lui non burla, ma tenzona……"

 

MONESIGLIO oggi


È una collina che si addormenta sulle sponde del fiume Bormida

Un tempo a Monesiglio vivevano più conigli e pecore che persone. Buoi e vecchi aratri davano vita a un’agricoltura tutta diversa. La terra dava tutto quel che serviva e anche qualcosa in più. Un gelato costava 10 lire. E si condivideva anche in tre.

Gigina da Noli portava il pesce fresco con un carretto dalla stazione di Saliceto.

Pochi paesi potevano concedersi un cinema da queste parti, Monesiglio era uno di questi e da tutto intorno i giovani accorrevano per guardare Fellini e i primi successi cinematografici italiani.

Non hanno perso la voglia di stare insieme gli abitanti di Monesiglio.

La prima domenica di settembre ne approfittano per sfogarsi: in occasione di San Biagio si dilettano un po’ con il tradizionale gioco delle carte prima di riattivare i muscoli con del Gym Tonic.

Non sappiamo quanto aiuti a restare in forma, ma di sicuro ha più successo dell’iscrizione in palestra!


monesiglio gallery



MONESIGLIO ieri


Monesiglio, paese di Langa, ha origini molto antiche

 I suoi primi abitanti, i Liguri Stazielli, si opposero tenacemente ai Romani invasori, ai quali, tuttavia, dovettero sottomettersi verso il 172 a.C. e, quindi, convivere con essi, riportando anche notevoli vantaggi, soprattutto per le vie di comunicazione.

La presenza romana trova conferma in alcuni reperti archeologici, tra cui due lapidi tuttora conservate nei locali del Castello.

Spiegano l'etimologia del nome diverse interpretazioni, tra cui le più attendibili sembrano essere: "Mons occelli", ossia monte dell'occhiello, con il significato di luogo di sentinella; "Monexilium", secondo la quale alcuni monaci sarebbero stati costretti a vivere, quasi in esilio, su una collinetta nei pressi dell'attuale paese.


 

VISIT MONESIGLIO