CORNELIANO D'ALBA LANGHE ROERO.jpg

"Volare come un uccello: ecco il sogno; correre sulla bicicletta: ecco oggi il piacere. Si torna giovani, si diventa poeti"

 

CORNELIANO D'ALBA OGGI


Sulla provinciale immersa nel verde che da Alba va a Carmagnola, sta Corneliano.

Nella piazza principale un arco dà il benvenuto nella parte storica del paese. Risale al 1814, quando si festeggiò a lungo il ritorno dei Savoia.

Il circolo cinema vecchio, il CVK, per gli amici è il risultato tangibile di una bella idea di divertimento.

Non c’è molto da fare in un paesello del Roero, allora alcuni giovani bussano al comune e il comune risponde. Insieme creano quello che oggi è un circolo arci conosciuto in tutte le Langhe E Roero.

Qui non si sta certo con le mani in mano. Lo dimostra il fatto che di Corneliano d'Alba  è originario Diego Rosa, il ciclista che ha fatto sognare le Langhe alle olimpiadi di Rio.



CORNELIANO D'ALBA GALLERY



CORNELIANO D'ALBA IERI


Corneliano sorge sul percorso dell'antica strada romana che collegava Alba a Torino.

Corneliano assunse una certa importanza solo dal XII secolo, quando, con l'avvento dei Liberi Comuni, fu riscoperta la sua importanza strategica ai fini del controllo del territorio.

Fu così eretto un castello sulla collina sovrastante al paese.

Corneliano si schiera rapidamente al fianco di Alba contro la città di Asti, il cui vescovo aveva mire espansionistiche nella zona. Passata sotto varie signorie, Corneliano visse momenti bui durante le guerre del XVI secolo, nel corso delle quali il castello subì notevoli danni. Di esso rimane oggi solo l'elegante torre decagonale.

Altro monumento degno di nota è l'arco che costituisce la porta d'ingresso al centro storico, fatto erigere per volontà di Casa Savoia dopo la caduta di Napoleone.

Nel 1928 a Corneliano d'Alba fu aggregato il comune di Piobesi, ma nel 1946 il comune di Piobesi venne ricostituito.


 

VISIT CORNELIANO D'ALBA