castiglione falletto langhe roero.jpg

"Respira il tempo di una volta. Respira le strade, il centro del Paese, i momenti importanti. Respira la storia e la tradizione che viene fuori in ogni più piccolo dettaglio"

 

CASTIGLIONE FALLETTO OGGI


Di castelli nel vasto Territorio delle Langhe e Roero, ce ne sono parecchi.

Il Castello di Castiglione Falletto però è uno di quelli che ti lascia a bocca aperta tanto è prepotente e massiccio. Le mura sono spesse come la larghezza di una strada a due
corsie, circa.

Proprio di fronte le mura massicce si gioca ancora a pallapugno alla pantalera, quando il tempo è clemente.

Durante la festa patronale di S.Anna, il 26 luglio, la gara si fa grande e tutti si danno battaglia nella sfida Paese contro Paese. Chi perde paga da bere, come nelle migliori tradizioni.

Il ritrovo fisso per riscuotere il premio è il Bar del Peso, centro nevralgico della movida di Castiglione!

Il resto delle celebrazioni corre lungo via Cavour, tra spettacoli di strada e mangiate sotto le stelle.


CASTIGLIONE FALLETTO GALLERY



CASTIGLIONE FALLETTO IERI


Di origini antiche e romane, Castiglione Falletto si affermò nel Medioevo come "Castrum et villa"

In quella prima epoca la città era di proprietà del Marchesato di Saluzzo, per poi cambiare proprietà più volte e passare di mano in mano a diverse famiglie nobiliari, come i Lomello, i Falletti, i marchesi d'Incisa, i Ruffini di Savigliano, i Santi di Torino, i Claretti di Nizza, i Caramelli di Comaye, i Claretti Ponzone, i Lovera di Piato, i Patrizio di Scagnello, i Ruffini del Pozzo Grimaldi di Gattera, i Cerrutti di Villastellone fino ai Vassallo di Dogliani che a metà Ottocento divennero proprietari unici del castello.

Alla caduta del Marchesato di Saluzzo, Castiglione passò al Delfinato e poi ai Savoia con il trattato di Lione del 1601.


 

VISIT CASTIGLIONE FALLETTO